Lezioni di yoga per dodo

(Si consiglia di leggere con musica rilassante di sottofondo)

Lo yoga.

Questa meravigliosa disciplina che ti rimette in connessione con te e col mondo, riduce lo stress, aumenta la flessibilità, migliora la respirazione, fa bene al cuore, rafforza l’equilibrio e le funzioni cerebrali. In pratica, entri che sei Charles Manson ed esci che hai la calma del Dalai Lama, la flessibilità di Nadia Comaneci, il cervello di Einstein e il cuore di quello che saltava la staccionata in una celebre pubblicità.

Yoga, foto di qualcuno che sicuramente non sono io. (credits: Pixabay)

Per carità, sono sicura che fare yoga e meditare facciano un gran bene a corpo e spirito, ma per me che sono iperattiva e non riesco a stare più di due minuti ferma nello stesso posto, anche solo provare è una tortura. Senza contare la difficoltà aggiunta del pennuto ficcanaso, sempre presente a osservare il mondo con lo sguardo vispo di una nutria in coma; ti fa sentire sempre giudicato, sotto esame, anche se probabilmente è solo miope.

In un impeto di follia, ho deciso comunque di provare ‘sta storia dello yoga, perché fa bene e perché avevo finito le scuse per la mia prigrizia. Il dodo era nella cabina armadio, a tentare di infilare un laccio nei buchi della scarpa che gli ho regalato: è così negato, che il giochino può intrattenerlo per ore. Ne ho approfittato e ho messo il mio bel video su youtube, mi sono seduta sul tappetino e ho iniziato a seguire la voce della signorina.

Musica rilassante. Già iniziamo male: così mi viene sonno.

La signorina spiega come incrociare le gambe, invitando a mettere entrambe i piedi sulla gamba opposta. Mia cara, già è tanto se riesco a mettermi a gambe incrociate senza rompermi i legamenti, io non spingerei troppo. Ecco, mi sto distraendo di nuovo. Focalizziamo. Inspiraaaaaah, espiraaaaaaaah. Inspiraaaaaaah, espiraaaaaaah.

Chiudo gli occhi per un momento, per concentrarmi meglio su quello che sto facendo. Quando li riapro, accanto a me c’è il pennuto che osserva lo schermo: ti pareva che non dovesse ficcare il naso.

La signorina intanto inizia a mostrare gli Asana, che con fatica cerco di riprodurre. Mi tira tutto e non ho flessibilità. Io. Il pennuto no, lui è flessibile come un giunco, ed esegue le posizioni come se fosse la cosa più naturale del mondo. Convivo con Dalai Dodo e non lo sapevo.

“Piumoso, ma da quando capisci le altre persone tu?”

Mi guarda sprezzante, mentre passa dal Guerriero II al III con estrema eleganza. Io perdo l’equlibrio ogni tre secondi e, se non fosse per il divano vicino, avrei già sbattuto la faccia a terra più volte. Mi osserva, altezzoso e spazientito, e inizia a blaterare.

“Blblblblbl. Bl!”

“Coso, non ti capisco così, non parlo il dodese

Insiste, con una certa rabbia nella voce: “Blblblblbl!”

“Senti, già sono in una posizione precaria, in tentato equilibrio su un piede solo: tu non sai nemmeno volare, non puoi giudicarmi!”

Sbuffa, chiude gli occhi e realizza una perfetta posizione dell’albero. Sembra rilassato, respira a fondo. Poi riapre gli occhi e mi guarda, fisso: credo volesse mostrarmi come fare, perché poco dopo mi si avvicina e inizia a darmi dei colpi per mettermi in posizione. Quando finalmente ci sono, strizza gli occhi varie volte, per suggerirmi di chiuderli, e sbuffa finché non lo faccio.

Li chiudo. Sono stranamente in equilibrio, e credo che lui lo sia accanto a me, sento il calore. Per un secondo smetto di pensare, ed è allora che succede.

“Vedi, sciocca di un’umana? Se ti ci applichi, ce la puoi fare perfino tu!”

Perdo l’equilibrio e cado. Sono certa che non abbia parlato… quindi deve aver imparato a comunicare telepaticamente. O forse, ho imparato io. Lo guardo basita, mi guarda basito. Vorrei chiedergli mille cose, ma non so da dove iniziare. Mi limito a fissarlo, mentre lui fissa me. Come sempre, andiamo avanti per così tanto che quasi sento i rotoli di paglia e polvere passare. Poi, mentre sto per aprire bocca e fare domande, apre le ali e, zompettando per la stanza, va a beccare una pianta che già gli ho detto essere finta. Ogni volta che inizio a convincermi della sua intelligenza, fa qualcosa di profondamente stupido. Non ho capito se lo faccia di proposito o meno.

Nella mia cabina armadio vive un dodo potenzialmente telepatico, potenzialmente intelligente, potenzialmente simpatico e che fa yoga. Che belli i tempi in cui ci tenevo solo i maglioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published.